CORONAVIRUS: comunicato in merito alla chiusura di alcune sezioni della scuola d’infanzia

Notizie, Coronavirus, Notizie    29/10/2020

Buongiorno,

mi rendo conto che la situazione in cui ci troviamo è difficile per tutti noi, una situazione in cui si sperava di non ricadere.

È comprensibile avere molti dubbi e incertezze, soprattutto quando si parla di scuola e di bambini.

La chiusura di alcune sezioni della Scuola dell’infanzia è stata sicuramente una decisione non semplice, ma è stata fatta in ottemperanza delle norme vigenti.

L’isolamento domiciliare fiduciario dei contatti stretti della classe può essere disposto unicamente a

seguito di segnalazione di caso accertato Covid-19, così come previsto dai protocolli sanitari in vigore, su iniziativa del Dirigente Scolastico, sempre in accordo con il Dipartimento di prevenzione di ATS e con il coinvolgimento del medico competente della scuola e dell’RSPP (Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione).

Al termine della valutazione viene presa la decisione della chiusura o meno di una classe, sempre rispettando quanto previsto dai protocolli sanitari in essere.

La durata dell’isolamento fiduciario e quindi il ritorno a scuola degli alunni, è sempre deciso e comunicato da parte di ATS.

In assenza di tale comunicazione i tempi previsti per il rientro sono: tampone negativo dopo di 10 giorni di isolamento oppure 14 giorni di isolamento.

A seguito della comunicazione ad ATS da parte della scuola, ATS comunica agli interessati l’isolamento degli alunni.

Sulla base di questa comunicazione i genitori possono accedere alle misure previste dall’art. 21 bis del DL 104 del 14 agosto 2020, cioè lavoro agile e congedo straordinario durante il periodo di quarantena obbligatoria del figlio. A motivo della numerosità delle segnalazioni, ATS è in ritardo riguardo a queste comunicazioni.

Vi assicuro che ogni situazione è valutata in modo scrupoloso e attento nel pieno rispetto delle regole, con l’esclusiva finalità della tutela della salute pubblica. Nessuna decisione è presa in autonomia, senza la necessaria sinergia tra gli enti coinvolti e le autorità competenti..

Vi chiedo pazienza in questo difficile momento, l’unica cosa che tutti possiamo fare è continuare a rispettare le norme vigenti per evitare il diffondersi dei contagi, nel convincimento che questo sforzo collettivo ci consentirà di superare insieme le gravi difficoltà sanitarie, economiche e sociali derivanti dalla pandemia in corso.

Rimango sempre in contatto con tutte le persone positive e poste in quarantena e a disposizione per ulteriori necessità.

Torna all'inizio dei contenuti